lunedì 21 gennaio 2008

La PDL 2157 è una vergogna!

E’ nel cuore di tutti i veri animalisti, salvare dalla vivisezione non solo i topini, ma anche tutti gli altri animali.
Per questo non sosteniamo la proposta di legge 2157 che non favorirà il raggiungimento di questo risultato.
I fautori di questa pdl si riempiono la bocca con la frase "anche un solo animale salvato è una conquista", frase usata troppo spesso per colpire l'immaginario della platea, ma basta guardare all'ufficializzazione della produzione di animali transgenici e all'introduzione del silenzio assenso per rendersi conto della falsità di questa ammissione e, bada bene, gli aspetti peggiorativi non si limitano solo a queste due voci...
Se questa pdl dovesse disgraziatamente essere approvata per quanti anni dovranno soffrire gli animali prima che venga revisionata? L'attuale dlgs 116 è datato 27 gennaio 1992 !! Dopo aver atteso per ben 16 anni è questo che offriamo a quelle povere vittime innocenti torturate inutilmente?
Resta il fatto che i bei discorsi dei fautori convergono solo un argomento non previsto dal Reach..."la 4a R" (riabilitazione) e cominciamo a leggere le conseguenti richieste di fondi per progetti in quanto sono consapevoli che il numero di animali utilizzati subirà un incremento.
Noi siamo antivivisezionisti, chi non ha abbandonato il tavolo delle trattative dice di esserlo, non ci sentiamo di applaudirli e non ci è chiaro come mai costoro non riescano a metabolizzare i pochi e chiari concetti dai quali si evince la scaltrezza della controparte.
E' una vergogna rendersi complici dei vivisettori!

21 commenti:

Erika ha detto...

Non esistono compromessi con la vita e la Pdl non può essere accettata da chi dice di essere dalla parte degli animali...ma neppure da chi afferma di trovarsi dalla parte degli uomini.

Francesco ha detto...

Non esiste nessun valido motivo per non abolire la vivisezione, poichè non assicura nessuna sicurezza per qualsiasi farmaco dato all'uomo.
La vivisezione, è inutile, dannosa sia per gli animali che per l'umanità che vive continuamente l'inganno che la vivisezione sia indispensabile.

Eleonora ha detto...

Sono un amante degli animali, e certamente non è bella la vivisezione, ma non penso si possa abolire. Comunque sia, in parte è neccessaria altrimenti non andrebbe avanti il progresso della scienza. Questa pdl in fondo migliora qualcosa, perchè andargli così contro? Un vero animalista non dovrebbe mai rifiutare un aiuto per loro, e lo dico da persona che tutti i giorni fa qualcosa per loro, facile parlare...

Gisella ha detto...

Agli animali non serve amore, ma rispetto. Usarli come oggetti per la vivisezione è una mancanza di rispetto inutile e dannosa per loro e per gli umani che dovrebbero essere i fruitori ultimi delle varie "scoperte" pseudoscientifiche che ci si illude di ricavare.
La vivisezione è un errore metodologico che va combattuto con tutte le forze per ottenerne l'abolizione.

Gino ha detto...

Eleonora, mi spieghi per favore che progresso ha fatto la scienza attraverso la tortura di altri esseri viventi? Non è che è facile parlare, ci sono i fatti dimostrati. Io ti consiglio di informarti bene....
La sperimetnazione che serve per gli umani, è solo quella fatta sugli umani.Siamo bilogicamente "diversi"

Paolo72 ha detto...

Non posso che trovarmi d'accordo con Eleonora.
Cominciare a chiedere che si possano portare fuori le cavie dai laboratori è già un grosso passo avanti ed è più reale che l'abolizione totale della sperimentazione. Stiamo coi piedi per terra.

bega ha detto...

Caro Paolo 72 non ti sfiora il dubbio che dietro il portare fuori dai laboratori le cavie avanzate, mentre le altre sono morte atrocemente ed inutilmente, si nasconda un interesse economico? Prova ad informarti e pensaci serenamente.

Francarita ha detto...

A Paolo 72: io credo che gli unici che si preoccupano veramente delle cavie e degli animali sfruttati siano i ragazzi di ALF. Loro, pur sapendo di commettere un reato punibile per legge, entrano nei laboratori e negli allevamenti e liberano tutti gli animali che riescono a trovare e, quando possono, girano anche filmati per mostrare, non solo la liberazione, ma anche come vengono tenuti.

Kindred heart ha detto...

Un'atrocità non è minore per il fatto che viene commessa in un laboratorio ed è chiamata ricerca medica: resta sempre un'atrocità.
Sono e sarò sempre contro la vivisezione. E' stato dimostrato l'inefficacia di questi test, ma a riempirsi le tasche di soldi sulla pelle degli innocenti non c'è mai fine.. perchè di questo di tratta .. i stramaledetti soldi .....

Kindred heart ha detto...

E ci sono dei vivisettori pentiti che hanno confermato che i test effetuati su animali sono inutili, servono solo ad arricchirsi le tasche di nascosto compiendo atrocità su esseri indifesi fino a farli morire con la bestialità che solo l'uomo moderno è in grado di fare. Se questa la chiamate scienza ......

giorgio ha detto...

eleonora e paolo hannomai visti cosa succedenei laboratori?non credo sia roba da animalisti.Comesi puo esserecosi egoisti per fare torturare poveri animali innocentiper la propria salute..Quali progressi ha fatto la scienza ? e stato scnfitto il tumore la leucemia o la distrofia muscolare ecc. ecc.ecc?

Eleonora ha detto...

Lo so che la sperimentazione sugli animali è sempre relativa, ma se non ci fosse per nulla come avrebbero i ricercatori un punto di partenza per stabilire la reazione del farmaco?

giorgio ha detto...

gli animali sono mai volontari loro vengano sacrificati e basta. ci vorrebbe qualche volntario umano. chi di voi si fa avanti?

Giuliano ha detto...

Noi siamo già volontari consapevoli o non consapevoli! Tutti noi, nessuno escluso, altrimenti un farmaco con la sola sperimentazione animale non potrebbe essere messo in commercio previa sperimentazione umana.
La sperimentazione umana non ha nessun beneficio per la ricerca dei farmaci, anzi, ne rallenta e ne devia gli scopi terapeutici.

Gisella ha detto...

Caro Giuliano, è proprio attraverso la sperimentazione umana che si accerta la validità o meno di un prodotto per umani. Tale sperimentazione viene effettuata prima su umani volontari sani, poi su umani malati (si suppone della malattia per la quale il farmaco è usato!)e dopo anni si arriva ad accertare la validità o meno di tale farmaco. NOn dimentichiamo che molti farmaci devono essere ritirati dal commercio per gli effetti collaterali che producono anche a lungo termine.

Andrea ha detto...

Diffondiamo, diffondiamo e diffondiamo ancora.
L'informazione a riguardo è troppo scarsa, appositamente....
Raccogliamo firme...
Per il bene di tuti gli esseri viventi

rusty ha detto...

vorrei chiedere a giuliano se ho capito bene . la sperimentazione sui umani non ha nessun valore ma quella sui animali si?

Giuliano ha detto...

Chiedo scusa, ho scritto male, volevo dire che la sperimentazione sugli animali non ha nessun valore, mentre quella sugli umani è quella che realmente serve e fanno.

Francarita ha detto...

Eleonora il punto di partenza intelligente per accertare la non nocività di un farmaco sono le cellule umane. Il 16 novembre scorso è stata premiatada associazioni anti vivisezione una ricercatrice del laboratorio Colture Cellulari e Biologia Molecolare del Dipartimento di Medicina Sperimentale dell'Università di Genova proprio per il suo progetto: uso metodiche in Vitro esclusivamente di linee cellulari stabilizzate umane.

Gisella ha detto...

Ho la sensazione che alcune persone intervenute non sappiano quale è la base di partenza per accertare la tossicità di ogni prodotto chimico.
La base è prendere ad es. 100 animali scelti a ragion veduta e costringerli ad inghiottire una dose massiccia di prodotto, tale che provochi la morte del 50% degli animali impiegati (LD50 per i solidi, LC50 per i liquidi). Gli altri animali ancora vivi vengono soppressi.
Da questa dose si desume la razione non dannosa e quindi non tossica per l'uomo

giulia ha detto...

Bisogna abolire la vivisezione per la sua crudeltà verso altri esseri viventi e per la sua incapacità di essere predittiva dal punto di vista scientifico. Se la vivisezione non ci fosse, si applicherebbero soltanto i metodi davvero scientifici che prevedono l’uso di modelli basati su cellule, tessuti ecc. umani perché se si vogliono risposte sull’uomo e per l’uomo, bisogna “usare” (ovviamente entro i limiti dell’etica) l’uomo!! Questi metodi sono applicati anche ora e sempre di più, man mano che la vivisezione cede terreno anche nella considerazione di molti scienziati, e danno risultati... purtroppo, essi spesso meno pubblicizzati della vivisezione, nonostante i grandi fallimenti e la fallibilità di quest’ultima: la lobby dei vivisettori è molto molto potente e ne troviamo ramificazioni ovunque, anche in luoghi impensabili...